Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Nunc odio purus, tempus non condimentum eget, vestibulum.

FOLLOW
Follow
Top

Il rombo : destini del marchio scaldaferro

Mia figlia Marianna di sei anni si appassiona alle storie che racconto sul passato della  famiglia scaldaferro.

Aneddoti, curiosità e anche episodi spiacevoli vengono da me trasformate la sera in leggende e saghe, che ottengono il risultato di  condurre al sonno i miei piccini.

Questo novembre, a bruciapelo, Marianna mi ha chiesto perché il nostro marchio riporta come effigie grafica un rombo.

Era particolarmente incuriosita dalla figura geometrica  che ha iniziato a studiare a scuola e che è legata al nostro nome, incorniciandolo,  da più di cento anni.

Non ho saputo rispondere al momento.

Da quanto mi ha tramandato mio nonno e mia zia, il rombo fu disegnato da un imbianchino (e pittore nel tempo libero) dell’epoca, assoldato dal bisnonno per dipingere il nostro primo carrozzone a cavalli  con cui si portavano ai negozi del veneziano  biscotti e  mostarde: costui disegnò  il cognome circondato da un rombo blu su sfondo bianco.

Nel 1950 il rombo stilizzato  fu arricchito di festoni e impreziosito dal tocco di un famoso vedutista veneziano, Carlo Dalla Zorza.

Perché il bisnonno scelse questa figura geometrica è un mistero.

Posso solo azzardare delle ipotesi.

Il rombo o losanga ha un significato preciso.

Dal punto di vista etimologico, “rombo” deriva dal greco “Frombos”, che nel significato iniziale vuol dire muoversi in senso circolare, e poi lanciare (fromboliere ad esempio era un guerriero che lanciava pietre con delle corde).

Forse il bisnonno voleva indicare con il marchio il coraggio familiare, o il suo slancio all’azione. Era un tipo intraprendente e a volte spavaldo.

Il suo motto era una variante del conosciuto “aiutati che il ciel ti aiuta” : lo traduceva con la frase : “ voga Marco che mi te salvo” dove il “mi” era riferito al Padreterno.

La losanga, invece,  è il simbolo dell’energia femminile diffusa in natura e diventa simbolo di perfezione quando il rapporto fra la diagonale maggiore e la diagonale minore corrisponde al numero aureo 1,618.

L’importanza di questo segno è visibile in tutte le epoche ed in tutte le aree culturali dell’antica Europa.

La losanga è connessa alla fonte di vita, alla fertilità ed alla rigenerazione ed è una rappresentazione simbolica della vulva e del triangolo pubico.

Con questo significato è riportata nel frontone di molti tempi dell’america centrale.

In araldica, infine il rombo o più esattamente lo scudo a losanga  è impiegato per indicare le donne non sposate ed è simbolo di verginità.

Questo accostamento al simbolo femminile quale protettore della famiglia è una sorta di beffardo contrappasso, visto le intemperanze del bisnonno nei confronti del gentil sesso e per il fatto  che le donne nella mia famiglia, almeno in passato,  sono sempre state abbastanza sottomesse alla volontà degli uomini.

Ma questo forse non è bene raccontarlo a mia figlia…

Salute a tutti voi.

p