Vaniglia 

Il Torronificio Scaldaferro, utilizza nella sua lavorazione  la Vanilla Planifolia o Vanilla Fragrans che cresce nell’arcipelago delle isole Reunion e precisamente nell’isola Bourbon (da cui origina appunto il nome vaniglia bourbon).

I lunghi baccelli della Vaniglia Bourbon sono di una qualità eccezionale: si tratta di  bacelli Prima e Terza Nera, cioè di vaniglia non spaccata da 14-20 cm con una quantità di vanillina del 2%.

La vaniglia in bacello, dopo la triturazione, viene addizionata allo zucchero a velo e mescolata al miele a fine cottura.

Vaniglia è il nome di una spezia ricavata da una liana erbacea appartenente alla famiglia delle Orchidaceae.

Etimologicamente il nome deriva dello spagnolo vainilla che deriva, a sua volta, dal latino “vagina” che significa guaina, baccello.

Si tratta di una liana erbacea robusta e rampicante, con il fusto carnoso, lungo fino a 10-15 metri.

I baccelli freschi e ancora inodori hanno un diametro da 7 a 10 millimetri. Contengono migliaia di grani minuscoli che verrebbero liberati per esplosione dei frutti maturi se non si provvedesse a raccoglierli ancora verdi.

La maturazione dei frutti avviene in otto-dieci mesi, passando da una colorazione iniziale verde, poi a gialla ed infine di un  colore bruno scuro a maturazione completata. Il frutto maturo è completamente inodore, il suo inconfondibile e pregiato profumo lo acquisisce subendo un processo di fermentazione.

La vaniglia contiene zuccheri riducenti, sostanze grasse, azotate e tanniche, alcuni acidi organici (ossalico, tartarico e citrico) e manganese.

La sua importanza, tuttavia, non è imputabile a tali componenti, bensì alla presenza di numerose sostanze aromatiche tra cui principalmente la vanillina e molti acidi (vanillico, vanillinico, piperonilico).