Pistacchi di Bronte DOP

Il Torronificio Scaldaferro produce in edizione limitata un mandorlato al miele di coriandolo con mandorle e pistacchi di Bronte della piana di Catania, ai piedi del vulcano Etna.

Il Pistacchio (pistachia vera) è un arbusto dotato di radici profonde, dal tronco nodoso di colore grigio brumastro e dal fogliame caduco.

I frutti del pistacchio riuniti in grappoli, sono leggermente compressi, delle dimensioni di un’oliva, di un colore che, nelle prime fasi è di colore rosso e a maturazione varia dal verde-rossastro al bianco-roseo e al giallo-crema. Ha un mallo sottile, che si sgretola facilmente ed un seme unico, aromatico, di colore verde chiaro che – unico – mantiene fino a maturazione: i produttori lo definiscono “rosso rubino fuori, verde smeraldo dentro”.

La pianta si trova a suo agio su delle rocce laviche proibitive per qualsiasi altro tipo di vegetazione.

Il terreno, caratterizzato in prevalenza da rocce che affiorano in superficie, crea degli ostacoli alla meccanizzazione di tutte le pratiche culturali indispensabili e determina elevati costi di produzione.

Gli alberi non si concimano, non si irrigano (anche perché di acqua non ce n’è), si trattano pochissimo e si potano un paio di volte, per eliminare i rami secchi e togliere le gemme negli anni “di scarica”.

Il pistacchio, infatti, un anno produce e un anno riposa e, durante quest’ultimo, i contadini eliminano le poche gemme spuntate sui rami in modo che la pianta possa immagazzinare tutte le energie per esplodere nella stagione successiva.

I semi di pistacchio contengono molte proteine (18-23%), olio essenziale (50-60%), vitamine ed altre sostanze non azotate (15-17%).